MIA PHOTO FAIR



09.03.2018 / 12.03.2018



Galleria Antonia Jannone
Stand 31- Corridoio B

 
The Mall - Porta Nuova
Piazza Lina Bo Bardi, 1 - Milano

Marco Palmieri_Senza titolo_2018_stampa a getto di inchiostro su carta cotone Hahnemühle_ cm_ed. di 5_cartolina.jpg

Marco Palmieri_Senza titolo_2017_stampa a getto di inchiostro su carta cotone Hahnemühle_80x80 cm_ed. di 5_low res.jpg
Marco Palmieri_Senza titolo_2017_stampa a getto di inchiostro su carta cotone Hahnemühle_98x65 cm_ed. di 5_low res.jpg



















NEW PERSPECTIVE

a cura di Denis Curti




26.01.2018 / 18.02.2018

 

Palazzo della Triennale
Viale Alemagna, 6 - Milano


Mostra a cura di Elena Pontiggia



 

Inaugurazione 12.09.2016, h. 18.00

12.09.2016/ 04.11.2016





Università Bocconi
Via Sarfatti, 25 - Milano
tel. +39 02 58362453
www.unibocconi.it/campuslife

Ci sono artisti che dipingono delle architetture e artisti che costruiscono delle forme. Marco Palmieri appartiene al secondo genere. E’ un pittore-architetto non solo perché ha studiato alla Facoltà di Architettura di Napoli e ha lavorato con Sottsass, ma perché ama le forme solide. Costruite, appunto. Quelle che dimostrano che il mondo, a dispetto di quanto sosteneva Renan, non è fatto di nebbia.
Palmieri toglie e, togliendo, aggiunge. Arriva a quella sintesi del disegno amata da de Chirico, Carrà, Sironi, Morandi (oggetti di un suo omaggio). Anche quando fa i conti con l’accumulo delle forme, con l’assalto delle ripetizioni, con il moltiplicarsi degli addendi, fa in modo che i suoi elementi - siano giocattoli, sedie o case – si riducano ai minimi termini, a una geometria che suggerisce, se non un ordine, un bisogno di semplificazione.
Viviamo in tempi di aggiunte, di bisogni indotti, di cose superflue che scambiamo per necessarie, perdendo di vista l’essenziale. Siamo grati a Palmieri per insegnarci I segreti dell’architettura. Ma forse il segreto è uno solo, e coincide con quella regola che il massimo pedagogista americano suggeriva ai genitori, nei confronti dei figli: “Vuoi fare qualcosa di più? Fai qualcosa di meno”.
— Elena Pontiggia

Luciano Benetton Collection

IMAGO MUNDI

 

04 Nodi_Knots
Tecnica mista su tela

 



 


 

COORDINATE
performance partecipativa

progetto: Matteo Lanfranchi + Marco Palmieri

11 maggio 2016 - Assab One, Milano


PARADIGMI


MIA Photo Fair

28 aprile - 2 Maggio 2016

The Mall
Piazza Lina Bo Bardi, 1
Milano

 

 I paradigma

[…] non fotografie-ritratto, ma fotografie progetto, fotografie teorie, perché l’architettura è creata dall’architetto, ma anche dal fotografo che la fotografa e quindi gli dà immagine, però in queste di Palmieri, che non sono ritratti di architetture preesistenti, c’è un doppio salto, in quanto non fotografa l’esistente, ma crea l’inesistente per poterlo fotografare.
— Giacinto Di Pietrantonio

STANDING ON A BEACH

23 settembre - 24 ottobre 2015


inaugurazione
mercoledì 23 settembre - ore 19.00


Catalogo con testo
di Giacinto di Pietrantonio

 



 

 

 

 


 

 

 

 


 




Galleria Antonia Jannone
Disegni di Archittettura

C.so Garibaldi, 125 - 20121 Milano
info@antoniajannone.it
www.antoniajannone.it


adicorbetta - press@adicorbetta.org

 

presentano la mostra:
GALLERIA ANTONIA JANNONE DISEGNI DI ARCHITETTURA.  
UNA GALLERIA LUNGA 40 ANNI

a cura di Franco Raggi. 
con Giulia Pellegrino e Beatrice Felis

dal 14 Aprile al 15 Maggio 2015

Una collezione inedita, unica e formidabile di disegni originali di oltre 20 architetti e designer di fama internazionale che hanno esposto le loro opere negli ultimi 40 anni (tra gli altri: Raimund Johann Abraham, Alessandro Mendini, Franco Purini, Massimo Scolari, Adolfo Natalini/Superstudio, Rob Krier, Ernesto La Padula, Giovanni Muzio, Alessandro Busci, Roberto Gabetti & Aimaro Isola, Aldo Rossi, Andrea Branzi, Guglielmo Ulrich, Massimo Josa Ghini, Mario Bellini, Giorgio Grassi, Luigi Angelini, Aldo Cibic, Mario Botta, Gio Ponti, Mike Ryan, Ugo La Pietra, Michele De Lucchi, Luca Pignatelli, Valentino Parmiani, O.M. Ungers, Franco Raggi, Ettore Sottssas, Vittorio Gregotti, Peter Shire, Alvaro Siza, Borek Sipek, Alberto Sartoris, Gaetano Pesce, Luigi Serafini, Marco Palmieri).

Ordine degli architetti PPC della Provincia di Milano 
via Solferino 17-19, 20121 Milano
Tel. 02 625 341 - Fax 02 62 534 209 
segreteria@ordinearchitetti.mi.it 


Galleria Giacomo Guidi

OBIECTA

a cura di Angela Madesani

Italo Bertoglio, Emanuele Cavalli, Giuseppe Cavalli, Leonardo Genovese, Bohnchang Koo, Ingar Krauss, Laura Letinsky, Marco Palmieri, Sergio Scabar, Franco Vimercati e Massimiliano Gatti

Opening 06.02.2015, h. 19.00

06.02.2015 / 18.04.2015

Obiecta, a cura di Angela Madesani, è una collettiva che presenta una riflessione sullo sguardo dell’artista attraverso il linguaggio fotografico, in un percorso che va dagli anni Venti a oggi. L’oggetto, gli oggetti, sono protagonisti di questa riflessione. Per gli artisti esposti sono un pretesto dal quale partire, così come le mele lo sono state per Cézanne, le bottiglie per Morandi, per giungere a riflessioni di natura poetica, esistenziale. Dunque non una ricognizione tipologica, quanto piuttosto un’indagine ad ampio spettro su diverse modalità poietiche da un lato, ma anche concettuali, di pensiero.



Roma, Largo Cristina di Svezia 17
T +39 06 68801038
info@giacomoguidi.it
www.giacomoguidi.gallery

Nessun riferimento al reale è nei set di Marco Palmieri, architetto. Si tratta di piccoli set da lui dipinti -lo conosciamo anche come pittore- in cui protagonisti non sono oggetti reali, ma piccole sedie stilizzate, da lui stesse costruite, che si muovono come personaggi su un palcoscenico. La forma richiama l’archetipo della sedia: uno schienale, una seduta, a colori -tutti diversi- quattro gambe. Nella prima immagine della serie L’Origine è un’unica sedia, in altre sono due, quattro, sei, Sette sedie, questo il titolo del lavoro. La seggiolina è un pretesto, un’unità di misura attraverso cui indagare un ipotetico circostante. Il richiamo è alla storia dell’arte, a de Chirico a Morandi a certo Realismo Magico, ai Valori Plastici. Nulla a che fare dunque con la “natura morta” nel senso in cui normalmente viene inteso, piuttosto riflessione sugli oggetti e sulla loro collocazione nello spazio, con un pensiero di natura architettonica che apre l’argomento ad ulteriori riflessioni.
— Angela Madesani

 Standing on a Beach

Standing on a Beach

 Sette sedie

Sette sedie

 Everywhere 

Everywhere 

 Dei Segreti dell'Architettura 

Dei Segreti dell'Architettura 

 MATER(I)A

MATER(I)A

 prestare Omaggi 

prestare Omaggi 

 Anonimie 

Anonimie